Buon anno a tutti, veci e bocia, soci nuovi e soci vecchi, compresi quelli che per un motivo qualsiasi non hanno più rinnovato la tessera.
Si, perché questo giornalino abbiamo deciso di mandarlo a tutti quei camperisti che hanno scelto almeno una volta di essere soci della Associazione Camperisti Marca Trevigiana, un gruppo che da molti anni è uno dei più numerosi d’Italia.    Quale è il segreto ? lavorare sempre e comunque, alla faccia di chi chiacchera a vanvera o per invidia o solamente per sentirsi importante. NOI SIAMO IMPORTANTI !  Chi vuole vedere i risultati li può trovare sulla nostre foto gallery, può trovarli in qualunque uscita che abbiamo fatto, con i nostri soci unici protagonisti di scampagnate ed incontri dove l’allegria e l’amicizia la fanno da padroni.
Sembra incredibile ma è vero, siamo alla scadenza del sesto mandato e siamo ancora insieme a festeggiare nel 2013 i 18 anni, la maggiore età direbbe qualcuno, io preferisco vederlo come un obiettivo e, una volta raggiunto, guardare avanti.
Abbiamo molti soci iscritti da 10 o 15 anni tra i quali mi piace ricordare i nostri “nonni” Simeone e Mafalda Zuliani (classe 1932) di Pove del Grappa. Ne approfitto per mandargli tantissimi auguri per il loro 55° anno di matrimonio. Altri soci si sono persi per strada nei vari anni, ma molti di loro sono ritornati grazie al grande lavoro di tutto il Direttivo vera spina dorsale di questo gruppo oltre ai soliti noti che danno una mano a “ore perse” ma non per questo meno importanti.
L’ultima “fatica” del 2012 (il raduno dell’olio) è stato per me la ciliegina sulla torta, bambini e ragazzi dai 5 ai 18 anni (23 con 58 matusa) che si divertivano a cantare col karaoke finendo in bellezza con i “tre tenores” di 12 anni circa a cantare la nostra canzone io vagabondo dei Nomadi, un’emozione unica !
Grazie, non mi stancherò mai di dirvelo, si sono io che ringrazio voi, per quello che mi date e che ci date, a nome di tutti i responsabili di uscite ed incontri.
Il calendario del 2013 ci vedrà cominciare a gennaio con delle riunioni informative per l’uso di estintori, raffrescatori e navigatori satellitari.
Queste riunioni serviranno a tutti, a quelli che hanno già questi accessori per usarli meglio e a chi non li ha per capire l’importanza di averli a bordo.
Tengo a precisare che non ci sarà nessuna tentata vendita ma solo personale qualificato che ci darà informazioni tecniche con la possibilità di fare domande ottenendo delle risposte esaurienti.  
 Il grande ritorno della nostra fiera “E’ il tempo del Plein air” il 20-21 aprile e la prima rievocazione storica a Treviso il 25-26 maggio, che vedrà impegnati molti di noi nell’organizzazione ad accogliere oltre ai nostri numerosi soci anche camperisti di altri club nazionali ed esteri nella nostra città.
Il 2013 vedrà completato anche un bellissimo progetto che per scaramanzia al momento non voglio svelarvi, ma che al momento opportuno vi renderà orgogliosi di appartenere a questo nostro meraviglioso gruppo vincente !
Come vedete, la crisi che continua imperterrita a tormentarci, non ci fa perdere d’animo anzi, lo stimolo a raggiungere nuovi traguardi ci fa sentire più vivi che mai  e quindi voglio e vogliamo contagiarvi col nostro ottimismo a credere sempre e comunque in un futuro migliore.
Buon anno, buona strada e vagabondi saluti a tutti
Roberto Boscarin
Presidente A.C.M.T.


Per maggiori informazioni

Con la fine del 2012 scade il triennio 2010-2012 e si va a nuove elezioni per il triennio successivo. 

Ora siamo arrivati agli sgoccioli e ci sembra giusto cogliere l’attenzione dei soci per eventuali candidature che sicuramente porterebbero linfa nuova nei tre collegi sindacali che amministrano questa associazione.  

Siete dunque chiamati, soprattutto quelle persone che abitano nelle vicinanze della sede, a questa ennesima  elezione per il rinnovo delle cariche sociali.

Normalmente la raccolta candidature parte nel mese di ottobre o novembre, poi successivamente, con l’aiuto del comitato elettorale, saranno inviate a tutti i soci le schede elettorali, che dovranno ritornare tassativamente compilate entro la fine dell’anno corrente.

Nella prima edizione del consiglio direttivo del 2013, ci sarà lo scrutinio, la stesura del verbale, e la lettera di convocazione  degli  eletti per l’accettazione; poi  a seguire, elezione del nuovo Presidente e  delle Cariche Sociali.

N.B. All’interno del nostro bimestrale troverete la scheda attraverso la quale potrete manifestare la vostra volontà di candidarvi alle cariche sociali.

Il Consiglio Direttivo


Per maggiori informazioni

Il decreto legislativo n. 59 del 18 aprile scorso, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 99 del 30 aprile apporta alcuni cambiamenti alla normativa relativa alle patenti di guida, recependo le direttive comunitarie 2006/126/CE  e  2009/113/CE.

La maggior parte delle norme saranno attive dal 19 gennaio 2013 e comunque devono ancora essere definite alcune linee guida dagli uffici della motorizzazione civile, ma può essere utile capire a grandi linee cosa cambierà.

Ciò che interessa maggiormente gli amanti del pleinair è l’adeguamento delle patenti al modello comunitario con una ridefinizione delle categorie.
Nessun cambiamento sostanziale, almeno per ora, in merito alla B per i camper: il tetto restano i 3.500 kg.

Ma per chi traina una caravan, ora è possibile arrivare ad una massa complessiva (auto+rimorchio) di 4.250 kg senza dover conseguire la patente B-E.

Occorre però superare una prova pratica, come recita il decreto:

“Qualora tale combinazione superi 3500 chilogrammi, è richiesto il superamento di una prova di capacità e comportamento su veicolo specifico. In caso di esito positivo, è rilasciata una patente di guida che, con un apposito codice comunitario, indica che il titolare può condurre tali complessi di veicoli…”

Quale la differenza, allora, ci si chiederà?

Semplice: non sarà più necessario sostenere un esame completo come per la B-E (esame di teoria e di pratica), ma basterà una prova pratica.
Non viene eliminata la B-E, che consentirà di trainare, con una vettura o altro veicolo di categoria B (quindi fino a 3.500 kg di massa totale), rimorchi fino a 3.500 kg di massa complessiva.

La patente C1 consentirà invece di condurre veicoli fino a 8 passeggeri oltre al conducente fino a 7.500 kg di massa totale.


Per maggiori informazioni

RINNOVATE LA CARTA DI IDENTITA’ e NON FATE APPORRE IL TIMBRO perchè se dovete viaggiare all’estero non è riconosciuto valido e pertanto rischiate di essere fermati alla frontiera e/o all’aeroporto senza potervi accedere  a meno che non possediate il passaporto.  

(l’elenco dei paesi di cui ne citiamo alcuni a puro titolo informativo Croazia, Svizzera, Spagna, Francia, ….sono disponibili sul sito della Questura di Treviso).
Ricordiamo le durate delle Carte di Identità:
0-3 anni valida per 3 anni 
4-18 anni valida per 5 anni 
oltre i 18 anni valida per 10 anni 
Ricordiamo inoltre che fino al 14 anno di età se il minore viaggia con persone che non sono i genitori, è necessario recarsi presso la Questura e fare un “atto di assenso”.  

 


Per maggiori informazioni

Può sembrare strano, ma riguardo al Codice della Strada si trovano differenze anche notevoli passando da un paese europeo all’altro: che riguardino la dotazione di bordo piuttosto che il diverso tasso alcolemico, è sempre bene essere informati delle diverse regole in vigore nelle nazioni del Vecchio Continente, così da evitare brutte sorprese. Dove sono installati i Tutor in autostrada? Per fare un esempio, lo sapevate che qualunque auto percorra le strade di Austria, Germania, Bosnia e Croazia ha l’obbligo di avere con sé la cassetta del pronto soccorso?

In Repubblica Slovacca e Slovenia bisogna invece sempre portare a bordo una scatola con le lampadine di ricambio per i fari della propria vettura, mentre in Bulgaria e Romania la norma vuole la presenza di un estintore in ogni auto.

La novità più recente viene invece dalla Francia, dove dallo scorso mese di luglio è obbligatoria la presenza di un etilometro a bordo.

In Spagna sono obbligatori due triangoli a bordo in caso di incidente .

Anche sui limiti dell’assunzione di alcol prima di mettersi alla guida (e a tavola!) la situazione varia parecchio: se nella maggior parte dei paesi europei (come Francia, Germania e Belgio) il limite è lo stesso italiano (5 milligrammi per litro), in Inghilterra e Irlanda si può arrivare a 8, mentre in Russia il massimo è 3.

Più severe le norme che riguardano Norvegia, Polonia e Svezia, dove la soglia arriva a 2 milligrammi per litro, mentre paesi come Croazia, Romania, Ungheria e Ucraina proibiscono del tutto la guida dopo aver bevuto qualsiasi quantità di alcol.

Per quanto riguarda i limiti di velocità, la situazione cambia molto in base a dove ci si trova: anche se nelle aree metropolitane lo standard comune è di 50 Km/h (tranne che in Montenegro, dove è di 40 Km/h), è sempre bene prestare attenzione alle varie “Zone 30”, presenti in alcune zone residenziali di città tedesche.

Sulle arterie extraurbane la situazione è ancora più complicata, dato che si passa dai 120 Km/h delle superstrade belghe ai 60 Km/h delle strade statali norvegesi; per evitare brutte sorprese è quindi opportuno prestare la massima attenzione alle indicazioni presenti lungo la strada.

E in autostrada? In Germania è noto che non esistano limiti di velocità su molti tratti autostradali, ma c’è un valore consigliato di 130 Km/h e comunque sono sempre più le zone in cui sono arrivati i limiti.

Altri paesi (come Francia, Austria, Repubblica Ceca e Ungheria) utilizzano questo dato come massima andatura possibile, mentre nazioni come Belgio, Spagna e Olanda lo abbassano fino a 120 Km/h; scendendo ancora ecco la Gran Bretagna e Irlanda (112 Km/h), Svezia (110 Km/h), mentre le autostrade più “lente” sono in Montenegro, dove non si possono superare gli 80 Km/h.  Quanto ci costano gli ingorghi stradali? Attenzione poi ad alcune “abitudini” tipiche del nostro paese, come l’uso troppo frequente ed “insistente” degli abbaglianti per chiedere strada: in Germania questo comportamento può essere addirittura sanzionato come una minaccia  alla persona!

Ci sarebbe ancora una miriade di informazioni da trascrivere, perché tante sono le materie inerenti ai vari codici stradali italiani e non, cercheremo nel limite del possibili di tenervi informati.

Altra ordinanza da tenere ben presente, andata in vigore già dall’anno scorso, è di ricordarsi di verificare le strade da percorrere con le gomme da neve, in quanto al momento di andare in stampa non sono state ancora aggiornate.

Visibile su: www.lagreca.it/blog/2011/11/22/obbligo-di-gomme-daneve-o-catene.

L’anno scorso l’obbligo per gli automobilisti è scattato dal 15 di novembre al 15 di marzo di quest’anno.

Un ultima informazione , il nostro socio Fabio, appartenente alle Forze dell’Ordine, ci ha fornito in maniera dettagliata un documento sulla corretta applicazione della sosta e della circolazione stradale delle autocaravan, secondo le disposizioni dettate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Documento di sicuro interesse per tutti i camperisti, e ci suggerisce di stampare e di tenere in camper ad uso e consumo di eventuali forze dell’ordine.

Questo documento molto dettagliato è visibile sul nostro sito alla pagina dedicata .
                           
Il direttivo ACMT

 


Per maggiori informazioni

Cari amici,
certo di farVi cosa gradita, Vi informiamo che:
è nata la collana “Le Vie del Camper”, un insieme di guide di viaggio dedicate ai camperisti e appositamente studiate per chi ama il turismo in libertà.
In questo momento sono già state pubblicate le guide relative alla Scandinavia, alla Gran Bretagna e all’Irlanda, al Benelux, alla Polonia e alle Repubbliche Baltiche, alla Penisola Iberica; è in corso di stampa quella sulla Germania; in lavorazione quella sulla Francia. Dopo l’estate arriveranno nuovi titoli sull’Europa e sull’Italia.
Tutte le guide ospitano un insieme di itinerari “collaudati” con mete di primaria importanza turistica e luoghi che spesso non sono nemmeno citati dalle altre guide, impressioni di viaggio così come notizie storiche, artistiche e architettoniche; e ogni itinerario è completato dalle informazioni sulle soste effettuate in camper e quindi “sperimentate”. Il testo è arricchito da foto a colori che permettono di visionare in anteprima i luoghi descritti. Ogni guida è preceduta da un’introduzione con informazioni logistiche su misura e da altre notizie utili contenute nella sezione intitolata ”Dalla A alla Z”, il cui sottotitolo recita: “tutto quello che avreste voluto sapere su (quella pozione di territorio che è oggetto dell’obiettivo) e che non avete mai osato chiedere”.
Altri dettagli sul sito internet http://www.leviedelcamper.it/

Ovviamente per i Club federati all’ACTITALIA e i loro soci ci sarà uno sconto del 10% sul prezzo di copertina.
A tutti un caro saluto e, in previsione delle vacanze, buona strada sulle vie del mondo, naturalmente …in camper.


Per maggiori informazioni
www.leviedelcamper.it –
e-mail info@leviedelcamper.it

Notizie dalla Francia:

dal 1° Luglio tutti gli automobilisti, inclusi i turisti, sono legalmente obbligati ad avere con se un kit di test per l’alcool.

Ogni kit costa circa € 1.50 – € 2.00 e può essere acquistato nei supermercati o nelle farmacie, essere sprovvisti di tale kit comporta la multa di € 11.00.
Il Kit ha due anni di vita, dopo di che deve essere sostituito.


Per maggiori informazioni

Carissimi amici e spesso compagni di viaggio/avventura, porto a conoscenza di tutti questo documento che ho elaborato assieme a Roberto Vitali (Village for all) e la Michela Bagatella (Pleinair rivista) e fatto proprio dalla redazione di Pleinair presentandola alla fiera di Parma; è una grossa soddisfazione perché ci potrà essere un futuro nel quale l’associazione di cui faccio parte, ovvero A.C.M.T. sarà, con il consenso del direttivo citata in iniziative per ora solo in embrione.              ciao Gigi Conzon.

SPECIALMENTE CAMPERISTA

Vademecum del viaggiatore in camper e caravan disabile o con bisogni speciali, permanenti o temporanei.
Camper e disabilità, o se vogliamo camper e viaggiatori con bisogni speciali: un binomio ben noto a molti amanti del veicolo ricreazionale. E’ frequente che un membro dell’equipaggio sia portatore di una limitazione alla mobilità permanente o temporanea: basti  pensare alle persone anziane, alle donne in gravidanza, a chi è infermo in seguito ad un incidente, alle coppie con uno o più bambini molto piccoli. Avere bisogni speciali può anche voler dire avere allergie o intolleranze alimentari, o necessità di svolgere particolari terapie (si veda ad esempio la dialisi). Un pianeta vasto, dunque, ma spesso accomunato dalla voglia di viaggiare, che trova nel camper e nella caravan una valida risposta. Ecco alcune considerazioni e buone norme.

1 L’accessibilità al seguito

Il veicolo ricreazionale è un formidabile strumento ammazzabarriere: la cellula abitativa consente di portare appresso l’autonomia di viaggio, di riposo e di ristoro. Il camper e la caravan (all’occorrenza opportunamente modificati su misura dei specifici bisogni), consentono alla persona con disabilità di ampliare le proprie possibilità di viaggiare e fare vacanza, anche (e se vogliamo soprattutto) in chiave itinerante.

2 Informarsi prima

Organizzare una vacanza in camper non comporta solo decidere dove andare, ma prevedere e verificare anche tutti i servizi accessori e supplementari che ognuno, a seconda dei propri bisogni, deve necessariamente trovare. Prima d’iniziare il viaggio verificare sempre l’esistenza e l’ubicazione di zone a traffico limitato, la presenza di parcheggi riservati, le modalità per ottenere i permessi di accesso ai centri urbani, l’accessibilità ai musei ed edifici storici, la percorribilità delle zone pedonali. E’ altrettanto importante verificare preventivamente la fruibilità delle strutture ricettive su cui faremo riferimento (siano esse campeggi, agriturismi, aree di sosta pubbliche o private) e le modalità di trasferimento da queste ai luoghi oggetto di visita. Ricordare che Internet, i vigili urbani e le associazioni di camperisti locali rappresentano miniere inesauribili di informazioni.

3 Norme di comportamento

Non dimenticare che il camper è e rimane un veicolo ingombrante: qualora si crei una colonna (ad esempio sulle strade di montagna) è bene ogni tanto fermarsi e lasciar defluire il traffico che segue.
Rispettare sempre il Codice della Strada; utilizzare con buon senso le normative a favore per l’accesso, il transito, il parcheggio in aree regolamentate (come ad esempio nel centro storico); porre sempre la dovuta attenzione alle dimensioni d’ingombro del mezzo. Nei centri abitati per la sosta diurna è opportuno scegliere luoghi decentrati e poco o nulla trafficati, prossimi alla zona che si intende visitare; se sono regolati da divieti o limitazioni, esporre bene in vista il pass ed eventualmente (a scanso di equivoci) avvisare il comando della polizia urbana della propria presenza. Nelle aree di sosta e nei parcheggi pubblici evitare di occupare gli spazi esterni con tavoli, sedie e altre attrezzature personali.
Effettuare gli scarichi delle acque reflue negli appositi pozzetti ed evitare qualsiasi comportamento contrario alle norme di igiene, lasciando pulito lo spazio occupato; prima di partire verificare la totale e perfetta chiusura degli scarichi, sia delle acque nere che delle acque chiare.

4 Aiutati e fatti aiutare

E’ un atteggiamento utile se non indispensabile per il superamento della propria disabilità. Non deve mancare una buona dose di spirito di adattamento: mai arrendersi davanti alle difficoltà impreviste che si incontrano cammin facendo, ma affrontarle con calma, con un atteggiamento positivo, e quando occorre facendo buon viso a cattivo gioco. E’ altrettanto importante assecondare i propri interessi, scegliendo la destinazione in base alle proprie preferenze e adattandosi, se serve, per superare qualche piccolo ostacolo; ricordare che sapendo presentare correttamente i propri bisogni si troverà la risposta adeguata da parte dei gestori delle strutture ricettive.

5 Facciamoci riconoscere

Teniamo il contrassegno ben esposto e leggibile ed esibiamolo ogni volta che ci viene richiesto. Chi ci controlla lo fa per meglio tutelare i nostri diritti. Ricordiamoci che il contrassegno è personale e i familiari non sono autorizzati ad utilizzarlo in assenza del titolare. Essere disabili non giustifica comportamenti non corretti o poco educati verso il prossimo. La cordialità e il sorriso sono sempre passepartout d’eccellenza: non lesinare mai, perché possono risolvere eventuali incomprensioni e difficili situazioni.
Ricordiamo che il nostro comportamento è sempre sotto gli occhi di tutti, poiché siamo doppiamente visibili, in quanto camperisti e in quanto disabili.

6 Il passaparola è una risorsa

Diamo ascolto ai consigli degli amici: le personecon disabilità simili alle nostre sono quelle chespesso possono darci la dritta migliore. Non riteniamoleperò responsabili nel caso tornassimo a casainsoddisfatti: avere lo stesso tipo di disabilità noncomporta (per fortuna) avere le stesse preferenze e glistessi gusti.

7 La nostra esperienza è preziosa

Impariamo a raccontare le nostre esperienze ad altri, utilizzando le tante risorse presenti su Internet ed i mezzi di stampa. Non è necessario essere giornalisti o scrittori provetti, l’importante è riportare informazioni corrette. Registrare spese, percorsi, cartine geografiche, numeri telefonici, indirizzi di associazioni, trattorie, luoghi ritenuti importanti e da non perdere, accoglienza ricevuta, note sull’accessibilità di strutture ricettive e mete turistiche.
La nostra esperienza, una volta divulgata, potrà rappresentare una preziosa fonte informativa per tutti.
(A cura di Michela Bagatella, Luigi Conzon e Roberto Vitali)


Per maggiori informazioni

La sede dell’associazione adesso si trova in vicolo Pozzoserrato 8/A – Treviso  a fianco al cavalcavia di S.Giuseppe.

Clicca qui per scaricare la mappa in versione pdf.

Il nuovo numero telefonico della sede è 0422 1832143 e il numero di fax 02 89606921 (risponde sempre la sede di Treviso anche con prefisso 02)

Iscriviti e collabora con noi, vieni nel 2011 a far parte di una squadra sempre vincente! Ti aspettiamo.

 


Per maggiori informazioni
Per info potete contattare il Pres.Roberto Boscarin al 348 7783165 oppure Mirco Pivato al 347 2203394.