Siamo venuti a conoscenza che alcuni camperisti oltre o in sostituzione del classico “baracchino” CB sono entrati in possesso di piccoli apparati ricetrasmittenti denominati “PMR” (acronimo di Personal Mobile Radio) attratti sia dal basso costo (di solito vengono venduti a coppie) sia dalla pubblicità (ingannevole) che ne dichiara il libero uso gratuito.
Effettivamente, leggendo le paroline scritte in piccolo sulla confezione, si deduce che non c’è nessun costo “a tempo” come succede, invece, con i telefonini cellulari ma la cosa non finisce lì come ci vorrebbero far credere.
Leggendo attentamente il “Codice delle Comunicazioni D.L. 1/8/2003 N. 259” all’Articolo 37 si legge testualmente che: -Per attività assimilate a quella svolta in banda cittadina (C.B., N.D.R.) si intendono:i servizi che fanno uso di apparati tipo PMR 446;
– Per le attività di cui al comma 1 l’interessato, indipendentemente dal numero di apparati, versa un contributo annuo, compreso l’anno a partire dal quale l’autorizzazione generale decorre, di curo 12,00 a titolo di rimborso dei costi sostenuti dal Ministero per le attività di cui all’articolo 1, com. 1.
Facendo la traduzione dal burocratese, si comprendono due cose: 1 -occorre un’Autorizzazione Generale; 2 – si pagano 12 curo all’anno.
In pratica bisogna comportarsi alla stessa stregua di quando si chiede l’Autorizzazione per il baracchino C.B.
Si fa una domanda (in bollo attualmente di € 14,62 da spedire con Raccomandata A.R.) al Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento delle Comunicazioni di Mestre sulla stessa falsariga della domanda per il C.B. ma sostituendo le parole “apparato C.B.” con “apparato PMR 446”, poi su fa un versamento di € 12,00 sullo stesso c/c Postale del C.B. 16082307.
Facciamo presente che l’eventuale versamento dei 12 curo effettuati per la banda C.B. non è valida anche per i PMR in quanto trattati su un altro articolo (Art. 36) dello stesso Decreto per cui se ne evince chiaramente che il legislatore ha voluto ben chiaramente tenere separati i due canoni.
Cosa diversa sono, invece, gli LPD (Low Power Device: apparecchi a passa potenza) i quali operano sulla frequenza di 433 MHz con potenza massima di 10 mW (milliwatt) per cui sono esentati dal versamento di qualunque canone però non si trovano più in commercio.
I P.M.R. in questione operano diversamente sulla frequenza di 446 MHz con potenza massima di 500 mW per cui ricadono fra le apparecchiature soggette a canone. Consigliamo, quindi, di mettersi in regola quanto prima onde evitare pesanti sanzioni che possono arrivare fino a 4.000 Euro oltre al sequestro degli apparati.


Per maggiori informazioni

Il Consiglio Direttivo si è riunito questa sera per votare e deliberare le nuove cariche per il triennio 2016-2018 dopo approvazione delle candidature nell’assemblea generale dei soci .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

                     triennio 2016 – 2018                         

NUOVI DIRETTIVO E COLLEGI SINDACALI DIRETTIVO
                                triennio 2016 – 2018

  • BOSCARIN Roberto (Presidente ) (voto palese 11 fav.- 3 asten. – 1 contr.)(Tesoriere provv.)
  • DE MARCHI GianFranco (Vicepresidente ) (voto segreto 1 fav.- 14 vari)
  • ROBOTTI Giovanni (Tesoriere) (voto palese unanime) Dimissionario
  • BERGAMO JEAN CLAUDE (segretario) (voto palese unanime)

    (per elezione diretta)
    CONSIGLIERI: 

  • NICOLETTI Mario  
  • MEI Davide
  • TORRESAN Roberto 
  • VOLTAREL Armando
  • CUZZOLIN Corrado
  • SCARABOTTOLO Paolo
  • BIASETTO Silvano
  • PARPINELLI Lorenzo
  • PACCAGNAN Moreno  
  • SACILOTTO Gianpaolo
  • PIVATO Mirco
  • ROBOTTI Giovanni

    REVISORI DEI CONTI   

  • Zanatta Egidio (presidente)
  • Parolin Antonio
  • Gazzola Sergio

    PROBIVIRI
  • Camarotto Moreno (presidente)
  • Amistani Lino
  • Roman Gualtiero

              


Per maggiori informazioni

Buon 2016
Ancora una volta lasciamo ai posteri l’ardua sentenza,
se nel 2015 abbiamo seminato bene lo vedremo a breve. Già a gennaio con
l’Assemblea dei soci ci si potrà confrontare e puntare su nuovi progetti e
nuove persone con la speranza di ricompattare quel gruppo che ci ha fatto
conoscere molti anni fa.  Chissà che
anche l’amministrazione di Treviso faccia il suo dovere rispondendo ai progetti
e domande ferme nel cassetto da molto tempo. La volontà di fare cose belle c’è
sempre e nel 2015 si sono visti bei momenti e belle località, sicuramente il
2016 sarà un anno migliore (in tutti i sensi) e quindi ne approfitto per fare i
migliori auguri di cuore di un 2016 migliore, a voi tutti da parte mia e di
tutto il Direttivo (Revisori e Probiviri compresi). 

      Un socio, un amico   Roberto
Boscarin


Per maggiori informazioni

ATTENZIONE PER TUTTI I SOCI !!!!!!
è pronta e disponibile la nuova maglietta ACMT, con una nuova grafica molto carina, chi è interessato ad acquistarla può rivolgersi in sede per prova e prenotazione, grazie.
Le taglie disponibili sono XS,S,M,XL,2XL,3XL.
E’ una polo unisex in piquet pettinato di puro cotone, leggera e fresca per l’estate.


Per maggiori informazioni

Buongiorno a tutti,
vista la gravità del problema pensiamo sia giusto informare i ns. Clienti, pertanto giriamo quanto inviatoci dal ANCC.

Buone vacanze a tutti dal Negozio CAMPER E CAMPEGGIO

Firenze, 8 agosto 2014

Preg. João Alves Pereira

Presidente della Féderation Internationale de Camping, Caravanning et Autocaravaning

Oggetto: finestre prodotte da Polyplastic B.V. installate su autocaravan / rischio di distacco durante la circolazione stradale.

Scrivo la presente in qualità di Presidente dell’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti con sede a Firenze in via San Niccolò 21, quale associazione impegnata, tra le altre, nelle campagne di informazione e prevenzione a favore della sicurezza stradale e della tutela dei consumatori.

PREMESSO CHE

–         L’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti ha ricevuto numerose segnalazioni di proprietari di autocaravan con finestre prodotte dalla società Polyplastic con sede a Rotterdam – Vlaardingweg 98 nelle quali si verifica la delaminazione tra il vetro interno e quello esterno.

–         Molti proprietari di autocaravan hanno comunicato che il distacco delle finestre è avvenuto mentre il veicolo era in circolazione con gravissimi rischi per la sicurezza stradale e, quindi, per l’incolumità delle persone.

–         L’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti ha comunicato tempestivamente ai proprietari di autocaravan di cui conosceva gli indirizzi email, che il difetto di produzione in questione costituisce un pericolo per la circolazione stradale e che, in caso di veicolo con finestre prodotte da Polyplastic B.V., era necessario consultare il sito internetwww.sea.polyplasticpass.nl per verificare se la propria autocaravan fosse interessata dal problema.

–         Alla luce di alcune comunicazioni della Polyplastic pareva che il problema riguardasse solo le autocaravan prodotte dalla società Burstner nell’arco temporale 1998-2005 e dalla Società Europea Autocaravan nell’arco temporale marzo 2004-dicembre 2005. In realtà, il problema avrebbe dimensioni molto più ampie. Infatti, vi sono segnalazioni di proprietari di autocaravan prodotte da altre società e anche in periodi diversi da quelli indicati dalla società Polyplastic B.V..

–         Con email del 15 luglio 2014, la Polyplastic B.V. ha precisato di aver informato solo 3.911 proprietari di autocaravan inviando una lettera tramite posta ordinaria con la quale si invita a effettuare un intervento gratuito di manutenzione tramite un sistema di avvitamento ovvero a sostituire a pagamento le finestre.

CONSIDERATO CHE

–         La campagna informativa intrapresa dalla Polyplastic B.V. non può ritenersi idonea al fine di tutelare la sicurezza stradale sia perché il numero dei soggetti interessati potrebbe essere notevolmente superiore a quello dei soggetti informati sia perché la Polyplastic B.V. ha inviato comunicazioni con posta ordinaria non tracciata. Dunque, non vi è alcuna certezza che i destinatari siano venuti a conoscenza del problema.

–         Molti proprietari di autocaravan con finestre difettose sono venuti a conoscenza del difetto solo tramite le comunicazioni diffuse dall’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti.

–         Al fine di ottenere chiarimenti utili ad accellerare la manutenzione o sostituzione delle finestre pericolose, l’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti ha inviato tre richieste di chiarimento alla Polyplastic B.V. nonché alla Dimatec e alla SEA. La Polyplastic B.V. ha risposto senza tuttavia fornire tutti i chiarimenti richiesti e al fine precipuo di diffidare l’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti dalla pubblicazione di atti di corrispondenza e contatti email.

–         Alcuni proprietari di autocaravan hanno comunicato di aver seguito le indicazioni della Polyplastic B.V. contattando il concessionario autorizzato a loro più vicino per richiedere l’intervento di manutenzione e che a distanza di molte settimane non vi è stato alcun riscontro. Ciò induce a intervenire autonomamente per risolvere il problema con ulteriore pericolo in termini di sicurezza stradale trattandosi di interventi non eseguiti da soggetti professionisti.

–         Inoltre, nonostante la gravità del problema esiga interventi di estrema urgenza, nelle lettere inviate ai proprietari delle autocaravan interessate dal difetto non si indica il concessionario al quale rivolgersi – sebbene la Polyplastic B.V. conosca il luogo di residenza del destinatario – nè la data utile per l’intervento. Il proprietario dell’autocaravan ha l’ulteriore onere di visitare il sito internet della Polyplastic B.V. (sempre che sia in grado di consultare internet) e verificare quale sia il concessionario a lui più vicino, cercare di contattarlo e fissare un appuntamento per l’intervento che gli consenta di utilizzare l’autocaravan il prima possibile. In molti casi i concessonari hanno lunghe liste di attesa anche perché se la manutenzione richiede un tempo relativamente breve così non è per la sostituzione delle finestre (in alcuni caso anche 7).

–         Con istanza del 21 luglio 2014, l’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti ha chiesto l’intervento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero dell’Interno.

* * *

Al fine di comprovare quanto esposto, l’Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti è disponibile a mostrare la corrispondenza intercorsa in merito alla vicenda e, in particolare, le numerose segnalazioni pervenute dai proprietari di autocaravan con finestre Polyplastic B.V. difettose.

Tanto premesso, si chiede a codesta Federazione Internazionale di intervenire, dandoci notizia presso autorità nazionali e della UE al fine di attivare il sistema comunitario di informazione rapida sui prodotti non alimentari al fine di evitare che i veicoli con finestre Polyplastic B.V. difettose siano causa di incidenti stradali con danni a cose e, soprattutto, a persone.

Cordiali saluti a leggerla.

Isabella Cocolo, presidente


Per maggiori informazioni

Comunichiamo a tutti i soci in possesso degli estintori di nuova generazione ad acqua EASY WATER, acquistati dalla ditta Marin, che presso la ditta Camper e Campeggio di Villorba, incaricata dalla ditta per la raccolta, è possibile portare il proprio estintore per la verifica annuale.

Lasciamo per info il riferimento telefonico della sig.ra Elena:
348 2621085.

Per maggiori informazioni

Buongiorno a tutti, si buongiorno perché ho appena passato una bella e rilassante settimana al mare con altri 20 equipaggi a Marina di Grosseto presso il Camping Le Marze. Un camping unico (nella mia esperienza) in quanto il cane al seguito (o altro animale) non paga e ci sono i distributori di sacchetti con relativo cestino per i rifiuti nonché la possibilità di fargli anche la doccia nei servizi.

Non finisce qui, la spiaggia è di sabbia fine, “passata” dai trattori ogni 2 giorni anche sulla spiaggia libera con anche dei lettini e ombrelloni a noleggio per i più pigri e ancora una volta si possono portare anche i nostri amati quattrozampe a fare il bagno in un’acqua limpida con basso fondale adatto a tutti, bambini e ragazzi compresi, dove la mia canoa era il gioco preferito, anche di qualche “matusa”. Grazie alla Guida ACSI abbiamo pagato solamente 14,00 euro al giorno e quindi ci ha fatto risparmiare qualche soldo.

Naturalmente c’era anche chi non l’aveva prenotata per tempo e purtroppo ha pagato la tariffa normale, ma sicuramente il prossimo inverno saranno i primi a prenotarla, visto anche il basso costo (15 euro) e l’alto guadagno.

Un particolare non da poco era la televisione che non funzionava, forse per mancanza di ripetitori o i pini marittimi, ma questo ha fatto si che ognuno di noi scambiasse qualche parola ed in particolar modo i ragazzi che hanno fatto gruppo sia in camping che al mare lasciando nel cassetto i vari cellulari e “poketmoon” !

Complimenti anche al campeggio per il rispetto degli orari di silenzio e per i servizi sempre attenti alle nostre esigenze. Grazie quindi ai miei compagni di viaggio per questa bella vacanza.

Purtroppo devo registrare ancora un ritardo nell’apertura dell’area attrezzata di Quinto di Treviso, dove la “solita” burocrazia fa slittare la possibilità di fermarsi a molti camperisti in uno dei posti più belli della nostra provincia.

Penso che se addebitassimo 2 euro al giorno di mancata apertura allo stipendio del responsabile, sicuramente sarebbe già aperta da un pezzo ! ma si sa paga sempre Pantalone e la colpa è sempre degli altri !

Aggiudicati i lavori aprile 2012, fine dei lavori aprile 2013, bando di concorso ??? apertura ??? tutto tace…..nonostante le nostre mail e telefonate.

In questo giornalino troverete un articolo di un nostro socio, pubblicato qualche tempo fa sul giornalino di Centromarca Banca, che ha pensato bene di mandarci,

punto forse dalle mie parole precedenti.

Se qualcuno di voi ha altre storie o articoli inerenti il nostro mondo, vi aspettiamo a “pagine aperte”, sarà un’occasione per contribuire e completare così i nostri racconti.

Naturalmente l’invito è esteso anche ai bambini e ai ragazzi che volessero raccontarsi.

Anche in questo editoriale devo comunicare che è venuto a mancare uno dei nostri soci, Renzo Tonetto di Fontanelle di Oderzo.

A Gabriella le nostre più sentite condoglianze per la dolorosa perdita, sicuramente rimarrà nei nostri cuori e lo ricorderemo per la sua semplicità, la cordialità e la simpatia. 

Purtroppo abbiamo saputo dell’evento solo ad esequie avvenute e questo non ci ha permesso di essere presenti e vicini come nostra consuetudine.

Un caro saluto vagabondo dal vs. amico – presidente

Roberto Boscarin


Per maggiori informazioni

Bene, qualche risultato c’è stato, qualcuno è stato colpito dal mio ultimo editoriale anche se mi aspettavo di più ! si, non sono mai contento e forse per questo riusciamo a fare (col mio direttivo) cose che altri gruppi o associazioni nemmeno si sognano.
Ultima in ordine di tempo, la nostra 11° Fiera E’ Il Tempo del Plein Air denominata NonSoloCamper del 20-21 aprile scorso, dove circa 9.000 visitatori ci hanno onorato della loro presenza.
Fino all’ultima settimana siamo stati incerti se mettere una piccola quota di ingresso, grazie anche all’apporto del nostro beneamato Comune di Treviso che con il suo patrocinio ci ha onorato “solamente” di 1.500 euro di tasse varie, ma la testardaggine dei circa 50 soci volontari ACMT, ha fatto si che anche l’edizione 2013 non abbia avuto né biglietto d’ingresso né di parcheggio, un traguardo che ci onora e che contribuisce a rafforzare la nostra immagine di gruppo.
Come ho già fatto durante la fiera con una lettera aperta, voglio ringraziare in particolar modo tutti quei soci che “volontariamente” hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, un grazie anche agli espositori e ai visitatori che ci hanno onorato della loro presenza e che a loro volta ci hanno contraccambiato i complimenti per l’ ottima organizzazione.
Con il senno di poi però, la fatica si è fatta sentire e le energie profuse sono state molte, molto al di sopra delle passate edizioni, sarà quindi da valutare bene se valga la pena organizzare anche nel 2014 questa festa del camper, senza alcun contributo da parte delle istituzioni.
A proposito di premiazioni voglio ricordare la targa a premio della nostra collaborazione con il Centro Vacanze San Francesco di Duna Verde (VE) che ci è stata consegnata il 1° maggio, nell’ambito di una bella festa di benvenuto sotto un sole cocente.
Ritorniamo a noi, ci aspettano nuovi traguardi e nuove mete quindi concentriamoci su di esse e studiamo nuove strategie per divertirci e vivere meglio che si può, il nostro modo di vivere.
Il mese di giugno ci vedrà al mare in Toscana, con una spesa molto economica (per i possessori della guida ACSI) di 14,00 euro al giorno, vi aspetto numerosi come numerosi (spero) saranno di sicuro i diari di viaggio che ci manderete per raccontarci le vostre vacanze.
Buona estate e vagabondi saluti a tutti

Roberto Boscarin
Presidente A.C.M.T.

P.S.  Siamo ritornati su FaceBook sotto la supervisione di Davide Mei, vi aspettiamo numerosi.


Per maggiori informazioni

Qualcuno dice che squadra che vince non si cambia, altri che sono sempre le solite cose, resta il fatto che sono ancora Presidente per il 4° mandato consecutivo. Sinceramente speravo in un ricambio, per tornare nelle seconde linee dove poter avere un po’ di tranquillità, ma forse non è ancora il momento. Al contrario dei nostri politici, la sedia del potere non rientra nelle mie priorità, e vedendo i risultati, nemmeno su quelle di qualche mio presunto successore, forse non è ancora giunto il momento e quindi avanti sempre !
Sicuramente mi fa piacere aver ricevuto i consensi della maggior parte dei votanti, ma non mi fa altrettanto piacere che i votanti siano stati il 30 % dei soci aventi diritto, avrei preferito dover lottare come i grandi politici, i Presidenti veri, quelli che si giocano la carica all’ultimo voto.
E invece no, abbiamo speso un sacco di soldi per dare l’opportunità (come da Statuto) a tutti i soci di esprimere il loro voto e forse per  questo sono ancora più incazzato, doppiamente incazzato perché non siamo un partito e quindi non prendiamo finanziamenti, ma sicuramente quei soldi avrebbero fatto più comodo a qualcuno che soffre molto più di noi ed avremmo almeno avuto la soddisfazione di avere fatto qualcosa di buono.
Si chiedeva solo di esprimere il proprio parere, per una cosa che succede ogni tre anni, non mi sembrava che spendere 60 centesimi per un bollo fosse una spesa tanto gravosa o mettere la busta che vi abbiamo spedito nell’urna perdendo 2 (due) miseri minuti per votare, a compilare la scheda dove non c’era né Berlusconi, né Bersani, né Grillo o altri di qualsiasi partito, ma solamente delle persone che si fanno un c… così per farvi e farci trascorrere qualche bel momento assieme.
Quando si fa una tessera e si chiede di diventare soci, dovremmo anche pensare a quei pochissimi doveri che abbiamo nei confronti della nostra associazione, primo fra tutti il rispetto per chi lavora a gratis e in secondo luogo perché l’essere socio vuol dire collaborare, costruire, criticare, proporre e proporsi per migliorare e far crescere questo nostro gruppo.
Qualcuno al posto mio sarebbe stato ben contento di essere Presidente, una parola che per molti è motivo d’orgoglio, di vanto, di superiorità, forse per molti ma non per me. Mi sono sempre definito come uno dei primi soci che lavora, sicuramente mi piace “spingere” ad andare avanti come facevo in mischia quando giocherellavo a rugby e forse per questo ero abituato ad avere sempre qualcuno a cui passare la palla, qualcuno con cui conquistare una meta e quindi gioire tutti assieme del risultato raggiunto.
I risultati parlano di 450 equipaggi iscritti nel 2012, tanta attività con raduni e riunioni del Consiglio Direttivo, un bilancio soddisfacente nonostante la crisi, quindi tutto sommato va ancora bene, ma fino a quando ?
Anche per il 2013 stiamo partendo alla grande con traguardi ancora più ambiziosi con nuovi soci nel Direttivo, nuovi amici pronti a farti dimenticare l’amarezza, la stanchezza, la solitudine di chi, come me, ha ancora qualcosa da dare.
Voglio comunque ringraziare chi ha votato e chi mi ha votato, dimostrando di partecipare alla vita associativa, contribuendo a confermare il nostro gruppo ai massimi livelli nazionali con numeri e traguardi  anche dopo 18 anni di attività !
Scusatemi per questo piccolo sfogo, non sono un politico (e non lo sarò mai), sono solamente una persona normale, un socio, un amico, un lavoratore e anche nonno !
Attendo sempre risposte, critiche, proposte via e-mail, lettera, telefono e anche piccioni viaggiatori. Basta poco che_ccevò ??
Buona strada e vagabondi saluti a tutti.                                             tessera n. 0001  Roberto Boscarin


Per maggiori informazioni

Sto tornando da un bel capodanno 2013 presso il Camping Merano e apprendo che a Sappada (BL) in un’area di sosta comunale ha preso fuoco un camper. Il fuoco non ha causato vittime e non ha interessato altri mezzi ma purtroppo ha visto la morte di un cagnolino al seguito (ne ho uno anch’io e mi si stringe il cuore).  Appena arrivo a portata di computer controllo se C.G. da Mirano corrisponde ai dati di un nostro socio ma, anche se negativo la cosa non mi consola e quindi vado a vedermi  le varie foto e riprese video in internet  e non riesco ad esimermi dal farmi delle domande  ed in primo luogo mi chiedo  se è stato fatto tutto il possibile perché questo non accadesse.  Per esperienza personale so che molti aspettano le feste natalizie per andare in montagna e per assurdo sembra che andare dove fa più freddo sia quanto di più emozionante e bello da raccontare al ritorno agli amici, quasi ci meritassimo una medaglia .

E se invece della medaglia ci ritroviamo con quattro ferri affumicati e la famiglia salva per miracolo ??

E se invece nel migliore dei casi succede si ghiaccia tutto, dalle acque grigie alle chiare, dal filtro del gasolio all’olio del motore, con le batterie a zero ampere anzi sotto zero anche quelli ? 

NO, la nostra vita e la nostra famiglia valgono molto di più di un attimo di celebrità !

Perché non cominciare a chiedere ai costruttori di camper e accessori  di costruire i nostri mezzi con materiali IGNIFUGHI ? esistono da molti anni per ogni tipo di materiale e non mi vengano a dire che il costo del mezzo finito andrebbe alle stelle, baggianate ! da molti anni (troppi) le soluzioni adottate per la costruzione e l’assemblaggio dei nostri mezzi sono i risultati di bei disegni con tanti lustrini che rarissimamente ci permettono di avere delle soluzioni semplici e allo stesso tempo fruibili.

In Italia abbiamo l’ APC (Associazione Produttori Caravan e  Camper) che da 34 anni promuove l’uso del camper ma nel suo sito non ho letto una parola a favore della SICUREZZA, perché ?

 è più importante avere un camper bello esteticamente o sicuro a 360° ?

Cominciamo a spendere un po’ del nostro tempo a scrivere per segnalare e  proporre nuove soluzioni più sicure e più affidabili, magari meno belle ma più economiche che ci facciano vivere il nostro hobby in maniera più serena.

Un caro saluto e un abbraccio alla famiglia di G.C. da Mirano (sono le indicazioni che ho trovato in internet)  con la speranza che fossero assicurati contro l’incendio, invitandoli a scrivermi per qualsiasi cosa possa fare per loro. Lo stesso invito è rivolto a chiunque voglia migliorare questo nostro piccolo mondo.

Vagabondi saluti e buona strada a tutti

Roberto Boscarin 

Presidente

Associazione Camperisti Marca Trevigiana

P.S. Credetemi non voglio pormi a giudice supremo di nessuno, ma l’esperienza acquisita e delle sane riflessioni possono evitare molte volte danni ben peggiori.  Sicuramente ci sono delle fatalità che non si possono prevedere e anche il destino ci mette del suo, ma prevenire è meglio che curare. 

2° P.S.  Un paio di mesi fa il nostro direttivo A.C.M.T. ha deciso di effettuare delle riunioni informative e sabato 12 gennaio si parlerà di ESTINTORI (mai così attuale), dell’uso e della necessità di averlo a bordo a cura della Ditta Marin di Mogliano Veneto (tv). Siete sicuri di saperne abbastanza ?? Vi aspetto

 


Per maggiori informazioni